Logo dell'UIC Logo TUV

Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti - ONLUS

 

DOCUMENTO CONGRESSUALE

SULL’INFORMAZIONE E SULLA COMUNICAZIONE

I delegati al XX° Congresso nazionale dell’Unione Italiana dei Ciechi:

invitano gli Organi direttivi che risulteranno eletti dal XX° Congresso nazionale dell’Unione Italiana dei Ciechi ad impegnarsi, nel corso del prossimo quadriennio, per la realizzazione delle seguenti proposte programmatiche.

  1. Intensificare, di concerto con l’Ufficio per l’autonomia del non vedente, l’azione di promozione di una speciale legislazione sull’abbattimento delle barriere della comunicazione, che, mettendo in gioco, ove necessario le indispensabili risorse economiche, favorisca il massimo accesso possibile all’informazione televisiva, telematica e multimediale in genere, dei non vedenti e degli ipovedenti, fortemente penalizzati dall’eccessiva invadenza delle immagini, spesso, assai poco e mal commentate. Nelle more di una legislazione in tal senso, proseguire attivamente nell’opera di sensibilizzazione dei Gestori dell’informazione e della comunicazione, assumendo tutte le iniziative ritenute idonee al raggiungimento di tale obiettivo.
  2. Continuare a prestare la massima attenzione alle innovazioni tecnologiche, favorendo le iniziative tecnicamente più affidabili ed economicamente convenienti mirate a consentire ai minorati della vista sempre più ampie possibilità di accesso ad Internet ed alla Stampa quotidiana e periodica, che rappresentano un formidabile veicolo di crescita culturale.
  3. Verificare la possibilità d’inserimento nel sito web dell’Unione, anche delle riviste sonore edite dalla stessa.
  4. Verificare la possibilità e l’opportunità di produrre, per quanti ne facciano richiesta le riviste edite dall’Unione su cd-rom, in sostituzione delle audio cassette.
  5. Verificare, previa un’accurata indagine conoscitiva mirata ad accertare le reali esigenze ed il numero dei potenziali utenti, l’opportunità di organizzare un servizio d’informazione quotidiana o periodica a favore dei sordociechi, utilizzando le attuali risorse della telematica, sviluppando ulteriormente, in tale ottica, il progetto "Mercurio".
  6. Intensificare la campagna di abbonamenti allo scopo di sostenere e di incrementare la diffusione della stampa associativa ed in particolare del "Corriere Braille" i cui contenuti dovranno essere alleggeriti, invitando i collaboratori ad una maggiore sintesi e concretezza, per rendere la testata più gradevole ai lettori, con un'informazione più snella ed essenziale.
  7. Verificare la possibilità di produrre filmati e documentari su argomenti di particolare rilevanza, mirati a rappresentare adeguatamente la condizione umana dei minorati della vista e le loro possibilità di crescita culturale, professionale e sociale, nonché le attività svolte dall’Unione per promuovere la loro integrazione scolastica, sociale e lavorativa.
  8. Intensificare e rendere sempre più efficace e pregnante la nostra già significativa partecipazione ai programmi sociali della Radio e della Televisione, a livello nazionale e locale, utilizzando anche filmati e documentari appositamente prodotti o acquisiti sugli aspetti enunciati al precedente punto 7.
  9. Intensificare la nostra presenza sulla Stampa quotidiana e periodica a grande tiratura con articoli che illustrino la realtà, i problemi ed i successi dei minorati della vista, allo scopo di promuovere, nell’opinione pubblica, una nuova "cultura e civiltà dell’ handicap".
  10. Intensificare l’azione di diffusione degli opuscoli divulgativi prodotti dall’Unione per sviluppare una più capillare azione di sensibilizzazione dell’opinione pubblica, per favorire l’integrazione sociale dei non vedenti.
  11. Produrre opuscoli e dépliant rivolti alle famiglie per agevolarne l’approccio con le problematiche connesse con la disabilità visiva.
  12. Proseguire nell’organizzazione, nelle scuole e presso altre strutture aventi finalità culturali e sociali, di "forum" su tematiche di particolare interesse, supportando il dibattito con opuscoli e/o filmati.
  13. Sensibilizzare la Rai e i Gestori delle maggiori emittenti televisive private perché siano tenute presenti le particolari esigenze dei minorati della vista, predisponendo servizi di audiodescrizioni sempre più efficaci e frequenti, considerato che con l’avvento della tecnologia digitale il potenziale di trasmissioni si è notevolmente accresciuto.
  14. Sensibilizzare i produttori di materiale audiovisivo (videocassette, DVD o CD-Rom) affinché tengano conto delle esigenze di utilizzabilità da parte delle persone con problemi di vista: in particolare si auspica la produzione di film o opere teatrali corredati di audiodescrizioni.
  15. Esercitare una costante azione di sensibilizzazione nei confronti dei produttori di apparecchiature per l’acquisizione di informazioni digitali affinché tali dispositivi vengano progettati con caratteristiche che li rendano facilmente fruibili dalle persone cieche o ipovedenti.
  16. Curare che tutti i settimanali direttamente registrati dalla Presidenza Nazionale o da altre Strutture dell’Unione siano riprodotti integralmente. Attualmente, taluni di essi (ad esempio "l’Espresso") sono riprodotti soltanto parzialmente.
  17. Migliorare "Gennariello" in modo da farne un fattore d’integrazione scolastica e sociale sempre più efficace, curando che i contenuti siano sempre meglio rispondenti ai reali interessi dei suoi lettori che sono i bambini della scuola elementare, inserendo, nelle edizioni in braille, qualche illustrazione in rilievo, affidando la produzione a stampa con caratteri ingranditi ad una tipografia che conferisca alla testata una veste grafica dignitosa ed "attraente" ed arricchendola con illustrazioni, in modo da renderla gradevole anche agli ipovedenti. La stessa edizione a caratteri ingranditi dovrà essere spedita unitamente all’edizione in braille, allo scopo di permettere ai familiari, agli insegnanti di sostegno ed ai compagni di classe di leggere insieme al bambino cieco. Valutare l’opportunità di cambiare il titolo della testata ed affidarne la redazione a un pool di persone.
  18. Conferire alla rivista "Senior" una periodicità bimestrale, arricchendola di nuovi contenuti e verificare la possibilità di inviarla gratuitamente ai soci anziani.
  19. Dare alla rivista "Pub" una periodicità mensile.
  20. Continuare a favorire e ad incentivare la produzione di bollettini regionali e/o provinciali in forma scritta o su supporti magnetici ed informatici, al fine di rendere più capillare l’informazione ai Soci e di favorire e stimolare una sempre maggiore partecipazione degli stessi alla vita associativa, anche nella prospettiva di un sempre maggior impegno sul territorio connesso con l’accentuarsi dei processi di decentramento politico ed amministrativo.
  21. Inserire delle illustrazioni fotografiche all’interno delle riviste pubblicate sul sito web dell’Unione per renderne più "attraente" la consultazione.
  22. Promuovere la realizzazione di una rivista o di un supplemento a "Il Corriere Braille" in materia di informatica, telematica e, in generale, sulle comunicazioni, che riporti anche suggerimenti pratici sulla commercializzazione di singoli apparecchi ed ausili tiflotecnici.
  23. Svolgere periodicamente indagini demoscopiche per un aggiornamento dei dati e per un loro raffronto con quelli emersi dalle indagini precedenti.
  24. Creare un Organismo operativo addetto alle Pubbliche Relazioni, che si preoccupi di migliorare e di ampliare i rapporti dell’Unione Italiana dei Ciechi con il mondo della comunicazione.
Scelta Rapida