Logo dell'UIC Logo TUV

Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti - ONLUS

 

ATTIVITÀ INTERNAZIONALI

L’unanime riconoscimento ottenuto dall’Unione Italiana dei Ciechi per la vastità e l’efficacia dell’azione sul piano dei rapporti internazionali, riconoscimento venuto anche dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dalla Corte dei Conti, ha spinto l’Unione nel quadriennio 1998-2001 ad un impegno ancora più pregnante ed incisivo.

Di ciò sono segno e testimonianza le significative ed importanti cariche cui sono stati chiamati i dirigenti dell’Unione Italiana dei Ciechi. Gli incarichi ricoperti in tale periodo sono, infatti, i seguenti:

Prof. Tommaso Daniele

Vice Presidente dell’EBU

Prof. Enzo Tioli

Presidente della Commissione EBU sull’istruzione

Componente del Gruppo di Lavoro WBU su Media, Tutela, Politiche e Informazione

Prof. Rodolfo Cattani

Presidente della Commissione EBU per il collegamento con l’Unione Europea

Componente del Comitato Internazionale WBU per la casa natale di Louis Braille

Componente del Direttivo EDF

Avv. Giuseppe Castronovo

Presidente della Commissione sulle attività delle persone ipovedenti

Componente del Comitato EBU di finanze e reperimento fondi

Dr.ssa Marialuisa Bonzo

Vice Presidente della Commissione EBU giovani

Dr. Salvatore Romano

Componente della Commissione EBU sugli ausili e servizi tecnici

Sig. Giovanni Di Maio

Componente della Commissione EBU sulla collaborazione con i ciechi ed ipovedenti nei paesi in via di sviluppo

Prof.ssa Vanda Dignani

Componente della Commissione EBU sulla promozione degli interessi delle donne cieche ed ipovedenti

Dr. Leonardo Di Stefano

Componente della Commissione EBU sulle attività degli anziani ciechi ed ipovedenti

Prof. Vito Romagno

Componente della Commissione EBU sui diritti sociali e umani

Avv. Stefano Sportelli

Componente della Commissione EBU sulle attività dei ciechi ed ipovedenti pluriminorati

Sig. Vitantonio Zito

Componente della Commissione EBU sulla riabilitazione, formazione professionale e occupazione

La copiosa attività di relazioni internazionali svolta durante il quadriennio dai suoi rappresentanti può sintetizzarsi come segue. In tale periodo l’Unione è stata presente con interventi concreti e costruttivi a numerose manifestazioni, tra le quali si ricordano più di 30 conferenze internazionali, circa 80 riunioni dell’EBU (Unione Europea dei Ciechi), alle quali si devono sommare più di 150 riunioni della relativa Commissione di collegamento con l’Unione Europea e le tre riunioni della WBU (Unione Mondiale dei Ciechi).

L’Unione ha anche curato direttamente l’organizzazione di circa 20 importanti conferenze internazionali tenutesi in Italia nel corso dello stesso periodo di tempo.

L’attività dell’Ufficio Esteri della Presidenza Nazionale ha, infine, fornito un supporto logistico ai rappresentanti dell’U.I.C. in seno a numerose Commissioni e Gruppi di Lavoro, formati nell’ambito dell’EBU, la cui attività ha previsto: 6 riunioni della Commissione istruzione, 4 riunioni della Commissione sulle attività dei pluriminorati, 3 riunioni della Commissione sulla riabilitazione, la formazione professionale e l’impiego, 5 riunioni della Commissione sui diritti umani, 4 riunioni della Commissione per la promozione degli interessi delle donne cieche ed ipovedenti, 6 riunioni della Commissione giovani, 5 riunioni della Commissione ipovedenti, 3 riunioni della Commissione per gli anziani, 3 riunioni sulla mobilità e i cani guida, 1 riunione della Commissione per la cooperazione con i paesi in via di sviluppo, 2 riunioni della Commissione sugli ausili tecnici ed 1 riunione della Commissione sui sordo-ciechi.

Scelta Rapida