Logo dell'UIC Logo TUV

Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti - ONLUS

 

Testo del Verbale

Data: 30/03/2016

BENI CULTURALI E SERVIZI LIBRARI


Il 30 marzo 2016 alle ore 15.00, si è riunita in audio-conferenza, con modalità TALKYOO, la Commissione Nazionale "Beni Culturali e Servizi Librari" previa convocazione del 22 marzo 2016 per discutere il seguente Ordine del giorno:

1. Insediamento della Commissione.
2. Ipotizzare iniziative per portare a conoscenza dell'opinione pubblica il tema dell'accessibilità ai beni culturali.
3. Uniformare i criteri a cui i nostri Dirigenti locali, incaricati di accessibilità alla cultura, dovranno attenersi per le progettazioni di percorsi vari, magari attraverso interventi formativi ad hoc.
4. Ipotizzare l'organizzazione di una campagna per promuovere tra i ciechi l'interesse per i beni culturali come strumento di un educazione artistica spesso assente e ritenuta a torto di scarso interesse.
5. Individuare eventualmente più specifici ambiti di intervento e loro priorità.
6. Promuovere la costituzione di un catalogo unico degli audiolibri prodotti da vari centri di registrazione, non solo dell'UICI.
7. Comunicazioni dei membri della Commissione.
8. Varie ed eventuali.

Sono collegati telefonicamente:
Francesco Fratta - coordinatore
Aldo Grassini - referente
Rocco Rolli - tecnico
Salvatore Ferragina - componente
Gennaro Iorio - componente
Svolge le funzioni di segretaria verbalizzante: Giada Voci.

Il Coordinatore Francesco Fratta saluta tutti e comunica che la componente Lorenza Vettor si collegherà a breve e propone, nell’attesa, di iniziare con un rapido giro di presentazioni.
Comincia Salvatore Ferragina: laureato in lettere con un master in attività giornalistiche, si occupa di varie iniziative tese alla promozione culturale, è impegnato in diversi ambiti, fra i quali ricorda il sostegno all'insegnamento della lingua italiana agli stranieri ed il corso sul terzo settore che ha seguito recentemente a Bologna.
Francesco Fratta: di Torino, insegnante di storia e filosofia attualmente in pensione, si è sempre occupato di accessibilità ai beni culturali fin dal 1985; negli ultimi dieci anni con continuità, specialmente nell’area piemontese, dove ha partecipato alla progettazione e alla realizzazione di diversi percorsi, nonché, in qualità di formatore, a numerosi corsi dedicati agli operatori museali e alle guide turistiche.
Aldo Grassini: attivo nell'Unione dal 71, ha insegnato Filosofia nei licei ed ora dirige il Museo Omero, fondato con sua moglie fin dal 1993. Si è sempre occupato, fra l’altro, di attività socio politiche, sindacato della scuola, tre volte consigliere ad Ancona, fondatore dell'Associazione "Amici della lirica".
Gennaro Iorio: vive a Bologna ma ha origini napoletane, è insegnante di lettere e filosofia, si occupa di accessibilità ai beni culturali, collabora con i musei, conduce una trasmissione di carattere culturale (ROC) su Radio Oltre.
Rocco Rolli: Architetto, membro dell'associazione "Tactile Vision" che si occupa di progettazione accessibile, tiene il corso "comunicazione multisensoriale dell'architettura" al politecnico di Torino, ed è Consulente del consiglio regionale dell'Uici piemontese per l'accessibilità e mobilità.

Esaurito il primo punto di presentazioni, il Coordinatore entra nel merito e chiede alla segretaria di dare lettura del punto 2 all'O.d.G.
Fratta ricorda che il tema dell'accessibilità riguarda sì, i non vedenti e i disabili in modo diretto, ma che da diverso tempo viene affrontato non solo in riferimento al mondo della disabilità. L'accessibilità è di fondamentale importanza poiché ha una rilevanza strategica in quanto riguarda in qualche modo anche chi non ha specifiche limitazioni sensoriali, linguistiche ecc.

Alle ore 15.24 entra in conferenza Lorenza Vettor e si presenta brevemente: laureata in giurisprudenza, master in "Metodologie della Formazione" e "Educatrice Esperta per la disabilità sensoriale", docente a contratto presso l'Università di Udine nei corsi di abilitazione per gli insegnanti di sostegno, si occupa soprattutto di integrazione scolastica, di servizio civile e altro. L'arte è una sua passione e pensa che sia importante l'accessibilità a tutti livelli.

Il Coordinatore domanda se ci sono idee su come portare il tema dell'accessibilità ad una più consapevole attenzione da parte dell’opinione pubblica.
Chiede la parola Iorio il quale ritiene il tema dell'accessibilità fondamentale; per il Museo Omero è già una realtà affermata mentre il discorso è diverso per i vari musei cittadini. Sostiene che si potrebbe lavorare nel senso di cercare un maggiore coinvolgimento delle scuole.
Grassini dice che con il Museo Omero ha il termometro della situazione, poiché infatti quasi quotidianamente viene contattato da musei grandi e piccoli per consulenze, collaborazioni, attivazioni di percorsi ecc. Ritiene che il tema dell'accessibilità stia diventando di grande attualità, anche all'estero: prima lo si intendeva solo come abbattimento delle barriere fisiche, ora si pensa sempre più spesso anche alle disabilità sensoriali. Condivide l'idea di Gennaro Iorio ma crede che puntare solo sulle scuole richieda troppo tempo, e d’altra parte fa fatica a pensare ad iniziative che non abbiano costi elevati. Si potrebbe pensare a spot non solo sulle tv nazionali ma anche su quelle locali, o a un convegno con la partecipazione di personaggi importanti oppure alla creazione di un logo significativo.
Vettor sottolinea però che il logo va brevettato e questo ha dei costi; propone quindi qualcosa che non comporti spese come ad esempio l'apertura di una pagina Facebook e/o un' account Twitter.
Fratta suggerisce di cercare qualche spazio all'interno di trasmissioni radio tipo "Fahrenheit" per uscire dai circuiti limitati al solo mondo della disabilità.
Tutti i componenti condividono.
Ferragina aggiunge di essere d'accordo con quanto detto finora però crede che bisognerebbe partire dal presupposto che i disabili siano a loro volta sensibili all'arte e non è sempre così, per sua esperienza sul territorio. Ha organizzato visite guidate in vari musei constatando spesso che alcuni non vedenti non conoscevano neppure i principali monumenti artistici della propria città. Crede quindi che in primo luogo si dovrebbe operare per sensibilizzarli, a partire dalla conoscenza del patrimonio culturale a loro più prossimo.
Rolli mette in evidenza quanto interesse ci sia attorno al tema dell'accessibilità ma crede che bisogna fare attenzione perché c'è un grande disordine. Si chiede se sia ben chiaro a tutti cosa significhi accessibilità e suggerisce di riflettere su quali comportamenti e quali azioni debba mettere in atto un museo. Chiede quanti musei, oltre a quei pochi che fanno eccezione, abbiano effettivamente organizzato il proprio ambiente in modo da renderlo aperto e fruibile universalmente. Sottolinea che sono certo presenti ottime esperienze ma l'aspetto da considerare è appunto non guardare solo alle eccellenze. L'accessibilità è per tutti poiché tutti hanno diritto di accedere ad un museo, sia piccolo che grande. Riferisce inoltre che il Ministero sta lavorando alle linee guida che diventeranno poi il punto obbligato di riferimento: a tal proposito si chiede chi ci stia lavorando e se forse non sia il caso di cercare di prendere parte al tavolo tecnico. Crede che vada chiarito cosa significhi accessibilità, cosa si può fare per rendere accessibile ad esempio un museo e porre quindi attenzione al comunicare. Precisa che la comunicazione deve essere più coinvolgente rispetto alle possibilità di quei pubblici che hanno esigenze diverse.
Fratta mette in evidenza l'importanza delle linee guida poiché c’è bisogno che chiunque si occupi di accessibilità abbia precise indicazioni e criteri a cui attenersi. Proprio in questa direzione sarebbe utile offrire una formazione di base anche ai dirigenti dell'Unione che al livello sezionale sono delegati all’accessibilità dei beni culturali, affinché dispongano di un minimo di competenze per non accettare qualsiasi progetto venga loro proposto.
Grassini interviene confermando di essere in perfetto accordo con quanto affermato nell'intervento di Rolli. Aggiunge che crede sia necessario far capire che la fruizione dei beni culturali è una cosa seria oltre che un diritto di tutti, che pertanto occorra scardinare l'idea che nel museo non si possa mai toccare e rifiutare altresì di dare per buona qualunque improvvisazione.

Alle ore 15.54 Eugenio Saltarel entra in conferenza, si scusa per non essere intervenuto prima e saluta tutti i presenti, da parte sua e dell'intera Direzione. Riferisce che con la sua presenza vuole dimostrare che c'è interesse al livello nazionale per il lavoro di tutte le commissioni. Aggiunge che il lavoro di tutti confluisce in Direzione Nazionale e sottolinea quanto sia necessario che le commissioni si coordinino fra loro.
Tutti i componenti e il Coordinatore ringraziano Saltarel che si congeda.

Vettor riferisce della riunione sull'accessibilità tenuta lo scorso 12 marzo a Venezia da Icom (International Council of Museum) e del progetto di un glossario sul tema dell’accessibilità in fase iniziale di realizzazione, destinato a chi lavora nei musei, che dovrebbe dire ad es. cosa è la disabilità in generale, definire brevemente le disabilità varie, quali strumenti dovrebbe avere un museo, cosa dovrebbe adottare ecc. In questa occasione è stato chiesto a Lorenza Vettor, Francesco Fratta e Felice Tagliaferri, che erano presenti, di voler dare il proprio apporto.
Vettor propone quindi di non restare chiusi, e di appoggiare l'iniziativa di ICOM.
Il coordinatore commenta che bisogna certamente essere presenti, portando la propria esperienza e il proprio contributo.

Interviene Iorio riprendendo l'argomento della formazione accennato in precedenza da Fratta, e propone di avvalersi a tale scopo delle esperienze presenti al Museo Anteros, Museo Omero ecc., mediante corsi eventualmente anche online.
Grassini ricorda le iniziative di formazione già operanti al Museo Omero e si dice disponibile ad ospitarvi anche corsi di questo tipo.
Il coordinatore si dice d'accordo e invita a predisporre il corso in oggetto come commissione.
Vettor conferma di aver preso parte a corsi simili e di essere interessata a parteciparvi nuovamente, anche se esprime qualche riserva sulla modalità online.
Iorio sottolinea che secondo lui questi tipi di corsi dovrebbero riferirsi a responsabili della progettazione e non agli utenti non vedenti.
Il Coordinatore chiarisce che vi sono diversi livelli e che i corsi a cui pensava dovrebbero riguardare più che altro i dirigenti associativi sezionali che si occupano di accesso alla cultura.
Grassini afferma che la commissione dovrà provvedere a studiare insieme questo corso che potrebbe essere articolato in due giornate. Aggiunge poi che alcuni ciechi non credono che attraverso il tatto si possa fruire della bellezza di un'opera per cui bisognerebbe insistere anche sulla formazione dei non vedenti attraverso una campagna mirata a stimolare l'interesse per la cultura.
Fratta sottolinea che l'argomento toccato da Grassini alla fine del suo intervento ci introduce al punto 4 dell'ordine del giorno. Aggiunge che c'è indubbiamente la necessità di diffondere maggiormente la cultura artistica tra i non vedenti e che si potrebbe puntare su una campagna informativa e di sensibilizzazione, proponendo di interagire a tal fine con la commissione istruzione.
Grassini ribadisce che la formazione andrebbe fatta anche agli adulti.
Il Coordinatore è d'accordo pur ribadendo la necessità di una formazione in età scolare. Afferma che è importante far capire che un godimento estetico dell'opera d'arte da parte dei non vedenti è possibile e che al generico interesse culturale può corrispondere un piacere reale.

Iorio condivide la proposta di interagire con la commissione istruzione; alle ore 16.20 saluta e abbandona la conferenza per impegni improrogabili.

Il coordinatore invita a riflettere su quanto sia comunque difficile raggiungere gli adulti.
Grassini propone una campagna dedicata a questo scopo che - ipotizza - potrebbe consistere nell'utilizzare con maggiore frequenza la stampa associativa, per portare a conoscenza dei ciechi e degli ipovedenti, mediante articoli contenenti resoconti dettagliati e ragionamenti articolati, le numerose iniziative che avvengono in tutta Italia. Si augura infine che i non vedenti si abituino a frequentare i musei, riconoscendo che sono luoghi di esperienze arricchenti, sotto il profilo culturale ed umano.
Ferragina ritiene che sarebbe anche interessante prendere contatti col Fai (Fondo ambiente italiano).
Vettor ritiene utile dare maggior risalto anche a iniziative come le trasmissioni di Luisa Bartolucci "Conversazioni d'arte" che trova molto interessanti, nonché segnalare anche qualche libro a contenuto artistico.

Il Coordinatore fa notare di essere giunti al punto 7 dell’o.d.g. e chiede pertanto ai presenti di riferire brevemente su quali iniziative importanti di loro conoscenza siano in cantiere.
Grassini prende la parola e racconta di un progetto della regione Marche che si sta concludendo ed è il primo in Italia: ha lo scopo di diffondere l'accessibilità nei musei civici marchigiani promuovendo anche interventi per rendere fruibili alcuni di essi ai vari tipi di disabilità; sul sito della regione vi è una lista di 31 musei a cui è stato assegnato un certificato a seconda del tipo di disabilità, indicandone contestualmente il livello: sufficiente, discreto, buono. In tal modo si può avere un quadro piuttosto preciso della situazione. Riferisce poi di iniziative rivolte ai ciechi in cui vi è la possibilità di assistere a delle opere teatrali o liriche grazie all'audio descrizione come avviene per i film. Inoltre è possibile visitare il teatro prima dello spettacolo per rendersi conto di come lo stesso è organizzato.
Vettor esprime apprezzamento per l'iniziativa che riguarda il teatro e riferisce della sua partecipazione al percorso pluriennale "Doppio senso" presso il Guggenheim di Venezia che ha previsto anche un laboratorio gestito dallo scultore Felice Tagliaferri, di cui propone un possibile coinvolgimento.
Fratta riferisce di un breve comunicato stampa da cui si evince l'avvio di una collaborazione con gli Uffizi di Firenze tesa a proporre più ampie ed aggiornate iniziative di accessibilità che contemplano fra l'altro una pubblicazione con tavole in rilievo.

Alle ore 16.37 Lorenza Vettor e Aldo Grassini salutano e abbandonano la riunione.

Rolli riferisce di lavorare con alcuni musei torinesi sul rapporto tra immagini e linguaggio. il gruppo di lavoro si riunirà presto e ci sarà un convegno su come comunicare l'arte, che spera possa essere di livello nazionale. Precisa che secondo lui non sempre la comprensione di un'opera è imprescindibilmente legata alla possibilità di toccarla. Riferisce poi di un progetto a Milano in cui vengono raccontate 15 chiese attraverso riproduzioni in rilievo delle planimetrie e delle facciate, collegate a didascalie in braille e caratteri ingranditi, audio descrizioni e Lis . Crede che sia da approfondire il ragionamento su come la tecnologia possa aiutarci. Infine mette in evidenza che l'arte non è solo quella nei musei ma anche intorno a noi nel nostro quotidiano.
Ferragina riferisce di iniziative organizzate dalla Stamperia di Catania e il Polo Tiflo-didattico. A tal proposito ribadisce l'importanza di eventi come quelli da lui citati legati alle scuole, proprio per sensibilizzare i ragazzi all'arte e al mondo dei disabili visivi.
Egli ritiene infine che occorra formare referenti che siano poi in grado di trasferire le competenze acquisite ad altri.

Fratta, riferendosi al punto 6 dell'O.d.G. comunica di essersi espresso male in quanto il catalogo a cui si riferisce non è da costituire bensì da rilanciare. Suggerisce inoltre, richiamandosi a un passaggio dell’intervento di Ferragina, di considerare il possibile ruolo che le biblioteche civiche possono avere nella diffusione della pratica della lettura anche tra il pubblico dei disabili visivi, con semplici accorgimenti tecnici.

Il Coordinatore ricapitola i punti da sottoporre all’attenzione della Direzione Nazionale:

1. organizzazione di una campagna, mediante spot televisivi, tesa a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’accessibilità ai beni culturali come un diritto fondamentale che deve essere reso effettivamente esigibile;
2. organizzazione di un corso di formazione diretto ai nostri dirigenti associativi che si occupano per incarico istituzionale di cultura, teso a fornire le opportune conoscenze e i criteri base per allestire e/o valutare l’efficacia e l’utilità di un progetto di valenza culturale;
3. organizzazione di un convegno nazionale su come si comunica un’opera d’arte, con particolare attenzione al rapporto tra parola e immagine e ai supporti impiegati, nonché alle tecnologie utilizzate;
4. adesione all’ICOM.

Essendo assente ormai la metà del gruppo e pressoché esaurita la trattazione dei punti all’o.d.g., si ritiene di chiudere la riunione alle ore 16.45, rinviando alla comunicazione via e-mail la definizione della data di un prossimo incontro.


La Segretaria Il Coordinatore
Giada Voci Francesco Fratta

Download del File del Verbale

Scelta Rapida