Logo dell'UIC Logo TUV

Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti - ONLUS

 

Testo del Verbale

Data: 19/01/2011

Commissione Nazionale Istruzione


Alle 11:00 del 19 gennaio 2011, si riunisce, in conferenza telefonica, la Commissione Nazionale Istruzione, convocata con nota n. 869 del 14 gennaio 2011, con il seguente ordine del giorno:
1. Insediamento della Commissione
2. Esame della Risoluzione Congressuale
3. Ripartizione dei compiti
4. Varie ed eventuali.
Sono presenti: Tommaso Daniele, in sede; Michele Corcio, Daniela Floriduz, Giovanni Loche, Giulia Pagoni, Luciano Paschetta, Rita Puglisi e Claudio Signorini, in collegamento telefonico.
Presiede e coordina Tommaso Daniele, di seguito denominato Presidente, in considerazione della carica ricoperta a livello nazionale.
Partecipa e verbalizza Marinica Mecca.
Dopo aver accertata la ritualità della convocazione e aver preso atto della presenza dei convocati, il Presidente insedia la Commissione e dichiara aperta la seduta.
I lavori hanno inizio alle 11:05.

Il Presidente illustra i compiti della Commissione e dei suoi componenti, in relazione agli scopi e agli obiettivi che il XXII Congresso Nazionale ha deliberato debbano essere perseguiti ed attuati, nel quinquennio 2010-2015, in materia di educazione, istruzione e formazione delle persone con disabilità visiva.
La Commissione ha il compito di favorire e sostenere, mediante pareri e proposte, l’attuazione del programma approvato in sede congressuale. Com’è proprio della carica che ricopre, il Presidente ha la responsabilità politica dell’attuazione del programma. All’adempimento, collaborano Giovanni Loche e Michele Corcio, componenti, rispettivamente, della Direzione e del Consiglio Nazionali. Luciano Paschetta è Responsabile del conseguimento degli obiettivi congressuali. Tutto ciò, in conformità con le decisioni assunte dalla Direzione Nazionale il 16 dicembre 2010 e rese pubbliche con le Circolari nn. 292 e 293 del 20 dicembre 2010.
Il Presidente prosegue, invitando i convocati a presentare brevemente se stessi e le proprie attività.
Al termine, il Presidente propone, e la Commissione approva, che le prossime riunioni vengano registrate e, quindi, trasmesse on line, in modalità streaming. Il Presidente si fa carico di verificare la fattibilità tecnica della proposta e, ove le condizioni lo consentano, di disporre gli interventi necessari alla sua realizzazione.
Il Presidente cede la parola a Luciano Paschetta, di seguito denominato Responsabile.
Il Responsabile si rallegra del fatto che la Commissione è costituita da persone che hanno approfondite conoscenze tiflopedagogiche e buona esperienza dell’organizzazione dei servizi educativi e scolastici. È, pertanto, ragionevole presumere che essa potrà e saprà assolvere al proprio mandato, con competenza e puntualità.
Passa, quindi, ad illustrare gli obiettivi congressuali, che, in accordo con il Presidente, ritiene debbano essere realizzati in via prioritaria, allo scopo di rafforzare e potenziare l’azione che l’Unione svolge a sostegno dell’integrazione scolastica dei propri Soci.
Illustra, altresì, le azioni e gli interventi, con cui reputa che detti obiettivi possano e debbano essere conseguiti.
La Commissione discute le singole proposte, suggerisce modifiche e integrazioni e, da ultimo, conviene quanto segue.
1. È essenziale promuovere la causa dell’inclusione dei bambini, dei ragazzi e degli adulti con disabilità visiva, rispettivamente, nelle scuole dell’infanzia, nelle scuole del primo e del secondo ciclo, nelle università, nelle istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica, negli istituti tecnici superiori, nei centri provinciali per l’istruzione degli adulti.
La promozione va condotta a livello regionale e a livello provinciale.
Naturali destinatari dell’iniziativa sono i soggetti istituzionalmente preposti all’erogazione dei servizi educativi e scolastici, in primo luogo gli Uffici Scolastici Regionali e le istituzioni scolastiche, ma anche i Centri Territoriali di Supporto all’impiego didattico speciale delle nuove tecnologie, i Centri Territoriali dell’ANSAS ovvero dell’Agenzia nazionale di sviluppo dell’autonomia scolastica, ecc.
La promozione ha, come scopo esclusivo, la tutela del diritto costituzionale delle persone con disabilità visiva all’istruzione e alla formazione.
Resta fermo che la programmazione e il monitoraggio dei servizi di consulenza educativa specialistica competono alle Unità Territoriali di Coordinamento, alle quali l’Unione partecipa con propri rappresentanti. Resta, inoltre, inteso che i servizi di consulenza sono erogati dai Centri di Consulenza Tiflodidattica.
L’attività di promozione dovrebbe essere affidata a persone, anche vedenti, che conoscano: la disciplina giuridica dell’integrazione scolastica; le attribuzioni, e, per quanto possibile, l’organizzazione e il funzionamento, dei richiamati soggetti istituzionali; il repertorio dei servizi offerti dall’Unione e dagli Enti ad essa collegati.
Le persone che assumono la responsabilità della promozione sono, in linea di massima, le stesse che curano il coordinamento delle Commissioni per l’Istruzione, costituite presso i Consigli, Regionali e Provinciali, dell’Unione.
Tali persone, di seguito denominate Coordinatori per l’integrazione scolastica, agiscono in accordo con gli organi direttivi, regionali e provinciali, dell’Unione.
Fermo lo scopo della tutela, obiettivo dei Coordinatori per l’integrazione scolastica è avviare, qualora fosse assente, e, comunque, favorire l’interlocuzione con i richiamati soggetti istituzionali.
I dati anagrafici dei Coordinatori per l’integrazione scolastica vanno comunicati alla Presidenza dell’Unione, nei tempi e nei modi (corredati da curriculum), specificati nella Circolare all’uopo redatta dal Responsabile.
La raccolta dei dati è propedeutica alla costituzione di una rete, della quale i Coordinatori rappresentano i punti nodali e che è luogo di formazione, di confronto e di scambio di notizie e di esperienze.
Le modalità attraverso le quali le informazioni vengono immesse e circolano all’interno della rete sono definite in altro momento.
2. Sempre a fini di promozione e tutela del diritto allo studio degli alunni e degli studenti con disabilità visiva, può essere opportuno realizzare una newsletter (ovvero un notiziario da diffondere via posta elettronica), avente, per destinatari finali, le istituzioni scolastiche.
Secondo fonte ministeriale, nell’a.s. 2009/2010, le istituzioni scolastiche funzionanti sono state 10.453.
Stante la difficoltà di raccogliere gli indirizzi postali digitali di un così alto numero di virtuali utenti, si rimette ai Coordinatori per l’integrazione scolastica, di prossima nomina, la raccolta dei dati, raccolta da effettuare su base provinciale.
Al momento, nulla si dice sugli aspetti editoriali ed informatici della proposta.
3. È importante “far emergere” il dibattito associativo sull’integrazione scolastica.
A tale scopo, si ritiene opportuno costituire una lista di discussione (ovvero una lista di soggetti interessati a corrispondersi tramite posta elettronica), avente per oggetto l’integrazione scolastica.
Si conviene che la lista debba essere moderata da un componente della Commissione e si sondano le disponibilità di Daniela Floriduz e di Giulia Pagone. Gravi disturbi nel collegamento telefonico impediscono di procedere alla definizione dell’incarico, il cui affidamento viene rimesso al Responsabile, al quale è assegnato l’ulteriore compito di specificare le modalità di configurazione e di gestione della lista.
La Commissione concorda, quindi, quanto segue:
A. Il Responsabile ha la facoltà di delegare i compiti, che derivano dall’esercizio della funzione, ai componenti della Commissione. I compiti sono ripartiti tra i Commissari, in ragione delle rispettive residenze anagrafiche.
B. Per adempiere ai mandati ricevuti in sede di Commissione, i componenti possono corrispondere tra loro in modo informale.
C. Nel prosieguo delle attività, la Commissione è convocata nei modi rituali e con ordine del giorno ragionato.
D. La prossima riunione è svolta, come l’odierna, in teleconferenza Skype. Il ripresentarsi di effetti distorsivi dei segnali di trasmissione sarà motivo di ricerca, da parte del Presidente, di forme alternative di collegamento.
Null’altro essendo da discutere, il collegamento è tolto alle 12:15.


La verbalizzante Visto
Marinica Mecca Il Presidente Nazionale
Tommaso Daniele



Download del File del Verbale

Scelta Rapida