Logo dell'UIC Logo TUV

Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti - ONLUS

 

Testo del Verbale

Data: 02/05/2017

INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE


Il giorno 2 maggio 2017, alle ore 15,30 si è svolta in teleconferenza la riunione della Commissione Informazione e Comunicazione per trattare e discutere i seguenti punti all'ordine del giorno:
1. Presentazione nuovo componente.
2. Comunicazioni della Coordinatrice.
3. Protocollo d'intesa con Ordine Nazionale dei Giornalisti.
4. Composizione redazione de Il Corriere dei Ciechi.
5. Creazione sul giornale.uici.it di una sezione di approfondimento.
6. Raccolta materiale audio-visivo prodotto dalle nostre strutture territoriali.
7. Varie ed eventuali.
Sono presenti: Vincenzo Massa, Maria Mencarini, Massimiliano Penna, Peppino Re e Flavio Vezzosi.
Svolge la funzione di segretaria verbalizzante Simona Sciaudone.
In attesa del collegamento della Coordinatrice si procede alla presentazione del nuovo componente. Prende la parola Vincenzo Massa per una sua breve presentazione: Presidente UICI della Regione Campania, da 35 anni svolge attività all'interno dell'UICI, laureato in scienze della comunicazione, giornalista, direttore radio locale, ha lavorato in radio per tanti anni in tutti i settori anche in televisione, corrispondente per il giornale locale "La città" del gruppo l'Espresso, ha collaborato con giornali locali della provincia di Salerno, ora è freelance.
Katia Caravello entra in teleconferenza alle ore 15.45
Si procede con la trattazione del 2° punto all'Odg: Comunicazioni della Coordinatrice
La coordinatrice informa i componenti la Commissione circa il piano di comunicazione da lei presentato al Consiglio Nazionale, impegnandosi ad inviare a tutti i componenti la relazione che ha predisposto per il Consiglio Nazionale. Caravello spiega in linea di massima l'iter che ha portato alla scelta di rivolgersi ad una agenzia di comunicazioni. A novembre 2016, in qualità di referente del settore, ho incontrato la dott.ssa Monica Pontiroli (di cui potete trovare un profilo professionale in calce al presente documento), la quale, a titolo gratuito, ci ha offerto la sua consulenza. Sulla base dei documenti che le abbiamo trasmesso e sui quali ci siamo confrontate, il parere della dott.ssa Pontiroli è stato il seguente: Il progetto ha in sé una componente dimensionale “ di mercato” che definirei di nicchia - ossia ancora lontana dal livello di esposizione che potrebbe avere una grande azienda - caratteristica che ancora non giustificherebbe la necessità di acquisire risorse dedicate e specialistiche ad appesantire la vostra organizzazione. Di contro però, i bisogni di esposizione e presidio si articolano sia a un livello strategico sia operativo, piuttosto evoluto e soprattutto con necessità di orchestrare nel giusto mix, strumenti di marketing e comunicazione piuttosto sofisticati e diversificati: multitarget e multicanale, istituzioni, contenuti, off e on line… Il mio consiglio sarebbe di procedere per gradi, non ultimo il lungo periodo da coprire, preponendovi di scegliere un’agenzia di comunicazione che sappia proporvi un piano strategico a breve, medio e lungo periodo articolato, efficace e profondo e coprire le fasi esecutive con un livello “chiavi in mano” da definire a vostra discrezione.
Il lavoro con la dott.ssa Pontiroli è proseguito con la predisposizione di un documento che racchiudesse una presentazione dell’UICI (mission, struttura, servizi erogati e attività svolte), nonché lo stato dell’arte relativamente al settore >Informazione e Comunicazione (organizzazione e strumenti di comunicazione utilizzati) e le nostre esigenze in tema di comunicazione. Questo documento è stato inoltrato ad alcune agenzie di comunicazione di accertata professionalità e competenza (indicateci dalla dott.ssa Pontiroli) e all’attuale addetta alle media relation Chiara Giorgi perché costituisse la traccia da cui partire per l’elaborazione di una proposta progettuale.
Hanno presentato una proposta:
Chiara Giorgi e Stefano Trasatti
FB & Associati
Immageware
Hill+Knowlton Strategies
Dopo aver analizzato i progetti ricevuti – che nel frattempo erano stati condivisi con i colleghi della DN – abbiamo convenuto di concedere la possibilità di illustrare i progetti alla presenza dei componenti la Direzione a 3 dei 4 proponenti: la Hill+Knowlton Strategies è stata esclusa da tale presentazione in quanto il progetto è risultato poco convincente e, soprattutto, decisamente più costoso rispetto agli altri.
In data 30 marzo 2017, presso la sede della Presidenza Nazionale, alcuni componenti la Direzione hanno quindi assistito alla presentazione delle seguenti proposte di realizzazione di un piano di comunicazione integrata:
9:30 Trasatti-Giorgi
11:00 FB & Associati
14:00 Immageware.
Al termine della giornata, i presenti insieme anche alla dott.ssa Pontiroli si sono confrontati su quanto ascoltato e sono giunti alla conclusione di proporre l’affidamento dell’incarico a FB & Associati e Immageware, che lavoreranno in tandem. La prima si occuperà dei rapporti con le istituzioni, la seconda si occuperà delle relazioni esterne suddividendo in due campi d'azione l'uno rivolto all'immagine e la presenza sui media dei dirigenti (organizzazione di interviste, tenuta dei profili social) l'altro all'organizzazione di eventi, pubblicizzazione delle attività svolte dall'Unione e campagne di sensibilizzazione e informazione sulla disabilità visiva. La commissione entrerà in azione solo in quest'ultimo campo d'azione nel momento in cui i format posti dall'agenzia dovranno essere riempiti dei contenuti. Nella seduta del 13 aprile 2017, la Direzione Nazionale ha deliberato l’accettazione della proposta sopra descritta, dando al Presidente e al Segretario Generale il compito di negoziare con le agenzie prescelte l’aspetto economico e la tempistica di realizzazione di tutte le fasi del progetto.
Si passa al punto seguente: Protocollo d'intesa con Ordine Nazionale dei Giornalisti
Caravello informa che dopo il seminario Persi di vista del 7 ottobre scorso ha pensato di creare un contatto continuativo con l'ordine nazionale dei giornalisti stipulando un protocollo d'intesa (sulla scia di quelli già siglati ad es Cnop e Uisp) come base di partenza per organizzare in tutta Italia eventi tipo quello del 7 ottobre con costi più contenuti. Comunica che Vincenzo Massa ha preso contatti con l'ordine nazionale dei giornalisti a questo scopo. Massa informa la Commissione che c'è stato un blocco delle attività intraprese con l'Ordine in quanto si è dimesso il presidente ed è stato eletto solo da 10 giorni un nuovo presidente.
Mencarini informa che anche lei ha preso contatti con l'ordine dei giornalisti delle Marche per realizzare un evento formativo simile a quello del 7 ottobre. Massa si impegnerà, indipendentemente dalla stipula del protocollo, affinché il progetto del Consiglio regionale Marche ottenga in tempi rapidi l'accreditamento. Una volta sottoscritto il protocollo d'intesa Massa svolgerà la medesima attività di mediazione per tutti gli eventi che saranno organizzati sull'intero territorio nazionale.
Vezzosi, appurato che questi seminari formativi sono utili per i giornalisti alfine di ottenere i crediti tanto quanto all'Unione sono utili al fine di promuovere una comunicazione corretta in tema di disabilità visiva, esprime la necessità di individuare un format: si deve decidere se elaborare un modello riproposto allo stesso modo in tutte le regioni oppure se ogni evento debba essere centrato sulle esigenze del territorio. Vezzosi sottolinea, inoltre, l'importanza che non si tratti di iniziative di singoli, ma di un'azione coordinata. Caravello concorda con l'esigenza di un'azione coordinata, è indecisa però su quali delle due proposte di Vezzosi attuare. La personalizzazione renderebbe più aderente l'intervento all'esigenze del territorio, anche se probabilmente non c'è una grande varietà di problematiche.
La commissione dopo attenta e approfondita valutazione, decide di incaricare Caravello Massa e Mencarini di predisporre delle linee guida per la realizzazione dei seminari formativi (durata, obiettivi, temi da trattare ed etc.). Tali linee guida dovranno essere pronte prima della sottoscrizione del protocollo d'intesa.
Re sottolinea l'importanza di coinvolgere i consigli regionali nella preparazione dei seminari in modo tale che essi abbiano carattere istituzionale e che un componente della commissione sia presente. Caravello concorda e propone la suddivisione delle regioni tra i componenti.
Vezzosi afferma che i rapporti locali tra associazione e giornalisti è sempre stato il tallone d'Achille della nostra comunicazione. Si è sempre parlato di fare rete e di lavorare, ma non siamo mai riusciti a farlo. Propone quindi di pensare alla realizzazione di corsi formativi per i dirigenti locali. Caravello accoglie questa proposta: bisognerà preparare un progetto dettagliato da sottoporre alla Direzione Nazionale, si potrebbe pensare di utilizzare per lo svolgimento del corso la web radio in modo da azzerare i costi.
Peppino Re sottolinea l'utilità di un referente regionale per la comunicazione; Caravello concorda con questa posizione. La Commissione si è confrontata se il referente debba essere politico o tecnico senza arrivare ancora ad una decisione definitiva.
Si passa ad affrontare i due punti successivi: Composizione redazione de Il Corriere dei Ciechi e Creazione sul giornale.uici.it di una sezione di approfondimento.
Caravello informa che i contratti di chi si occupa della redazione de IlCcorriere dei Ciechi sono in scadenza e che non verranno rinnovati e propone Vincenzo Massa in loro sostituzione. Chiede inoltre ai componenti la Commissione la disponibilità ad affiancare Massa nella redazione. Vezzosi dà la sua disponibilità.
Per quanto riguarda il Giornale Uici Caravello informa che in questo momento non c'è una vera e propria redazione. Le notizie vengono pubblicate direttamente dall'ufficio stampa. Non c'è una linea editoriale. Propone di creare uno spazio di approfondimento (rubrica o blog) con temi sia di carattere associativo sia di altro genere. L'obiettivo è quello di affrontare in maniera seria ed approfondita le tematiche inerenti la vita delle persone con disabilità visiva e della nostra Associazione, tematiche di cui spesso si parla in materia impropria sulle liste di discussione.
Caravello chiede ai componenti la Commissione la disponibilità ad occuparsi di questa sezione del giornale online e, alfine di rendere più dinamico tale spazio, propone di coinvolgere anche altre persone e suggerisce i seguenti nominativi: Angelo Fiocco, Silvano Pasquini e Carlo Carletti. I componenti la commissione concordano con il coinvolgimento delle persone sopra citate e in generale, anche coloro che per motivi di impegni personali non possono dare un contributo attivo, accolgono favorevolmente la decisione di ricostituire la redazione de Il Corriere dei Ciechi e di dare una linea editoriale al giornale online. Caravello precisa che gli incarichi sono a titolo gratuito (salvo eventuale rimborso delle spese vive).
Si passa al punto varie ed eventuali
Flavio Vezzosi afferma che è vergognoso che, a differenza di tutte le altre commissioni nazionali, la commissione informazione e comunicazione non sia stata presentata in una delle trasmissioni di Slash radio.
Caravello si impegna a richiedere una data per la trasmissione che a questo punto non sarà più di presentazione della commissione ma di presentazione delle attività della Commissione. Tutti i componenti concordano auspicando di poter strutturare almeno un incontro mensile in radio.
Per mancanza di tempo il punto 6 dell'ordine del giorno viene rinviato alla prossima seduta.
La riunione termina alle ore 17.20


La coordinatrice
Katia Caravello

Download del File del Verbale

Scelta Rapida