Logo dell'UIC Logo TUV

Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti - ONLUS-APS

 

Corriere dei Ciechi

torna alla visualizzazione del numero 10 del Corriere dei Ciechi

Numero 10 del 2021

Titolo: ATTUALITÀ- Il legame con il cane guida

Autore: Elena Ferroni


Articolo:
Basterà una giornata a celebrarlo?

Siamo giunti alla sedicesima giornata dedicata al cane guida, sabato 16 ottobre la festeggeremo, per ricordare ad istituzioni e cittadini quanto sia prezioso il ruolo di questi aiutanti a quattro zampe, i quali ogni volta che indossano la loro pettorina da lavoro, mettono a disposizione i loro occhi e la loro intelligenza per guidare in ogni luogo la persona non vedente che cammina loro accanto.
È difficile spiegare quanto bene sia racchiuso nelle vite di questi cani, educati ad essere guide per ciechi.
Tutto inizia con un gesto di dono enorme: famiglie prendono in affidamento volontariamente i cuccioli e li tengono con loro per un anno, insegnando ai cani i comandi di base, ad espletare i bisogni fisiologici all’esterno, facendoli familiarizzare con i più vari contesti di vita. Al termine di questo primo anno le famiglie affidatarie hanno completato il loro lavoro e compiono un gesto di amore immenso, lasciando il cane nuovamente alla scuola di addestramento dove lo hanno preso cucciolo. Se l’animale supera i test relativi alla sua salute fisica e alle caratteristiche comportamentali, parte allora il periodo di 6/8 mesi dedicato al vero e proprio apprendimento per diventare un cane guida: calcolare lo spazio per due evitando gli ostacoli, rallentare e bloccarsi nei punti troppo stretti o pericolosi, fermarsi prima dei gradini ed attraversare la strada in linea retta, tutte abilità costruite con pazienza nella relazione tra animale ed istruttore, durante un allenamento fatto di premi in cibo e lodi a rinforzo dei comportamenti desiderati.
È a questo punto che arriva il momento dell’abbinamento tra persona non vedente e cane guida e si avvia il percorso a tre con l’addestratore, per i giorni di affiatamento insieme.
A conclusione avviene, se la coppia cieco-cane funziona, il passaggio finale dell’animale adesso affidato al suo conduttore non vedente, che lo porta a casa con sé. Da quel momento è un quotidiano camminare insieme, per raggiungere i luoghi di lavoro, svolgere le commissioni quotidiane ed arrivare nei contesti di svago. Da quel giorno in cui lasciano la scuola di addestramento, sono due esseri viventi, uomo e cane, che non si separano più e non devono mai essere separati.
Questo è talmente evidente che non dovrebbe servire una legge a ricordarlo, ma se necessario lo Stato italiano ha anche queste, la n. 37/74 e n. 67/2006 che sanciscono il diritto di accesso della persona cieca insieme al suo cane guida in ogni mezzo di trasporto, luogo ed esercizio pubblico e aperto al pubblico. Dopo anni di vita trascorsi insieme, affidati l’uno all’altro, spesso la persona cieca deve accompagnare il suo cane, che magari non può più svolgere il compito di guida, fino alla conclusione della sua vita e lasciarlo andare con indescrivibile dolore, facendo spazio se può e se vuole, ad altri amici a quattro zampe che avranno ancora il compito di essere i suoi occhi e compagni di libertà.
Tracciata dunque questa breve narrazione, che fa di un cucciolo un cane guida per ciechi, appare molto chiaro che assai poco è una giornata per celebrare l’amore e l’affidamento reciproco di tutta una vita tra cieco e cane, il lavoro degli addestratori e non ultimo il dono gratuito delle famiglie affidatarie.
L’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (UICI) ha promosso però l’istituzione di questa occasione per dire a tutti, almeno in un giorno ogni anno, quanto è speciale questo percorso che unisce creature a due e a quattro zampe con legami reciproci di dono e libertà.
Un’occasione il 16 ottobre, per dire con forza che mai più deve un cane guida trovare ostacoli al suo accesso ovunque il desiderio del suo conduttore non vedente voglia portarlo con sé, per essere i suoi occhi ed il suo compagno di cammino.



Torna alla pagina iniziale della consultazione delle riviste

Oppure effettua una ricerca per:


Scelta Rapida